Logotipo de la UCM, pulse para acceder a la página principal de la Universidad Complutense de Madrid

Antropologia mitica contemporanea

Amaltea
INIZIO
OBIETTIVI
ATTIVITÀ
MEMBRI
DOCUMENTAZIONE
INFORMAZIONI
LINK
NOVITÀ
Rivista Amaltea

 

AMALTEA


È la ninfa che fu la nutrice di Zeus.

Rea, al vedere lo sposo Crono divorare i loro figli alla nascita, decise di nascondere l'ultimo figlio, Zeus, sul monte Ida, situato nell'isola di Creta. Lì lo accolse la ninfa Amaltea; le api distillavano per il bimbo il miele più dolce e le capre lo alimentavano con il loro latte. Un giorno, secondo il racconto di Ovidio, la capra che nutriva Zeus perse una delle corna; Amaltea la riempì di fiori e frutti e la offrì a Zeus il quale, per ringraziamento, trasformò la ninfa e la capra in stelle, dando così luogo alla costellazione del Capricorno.

Quando Zeus lottò contro i Titani, si fece l'egida con la pelle di questa capra. Secondo altre versioni del mito, il nome di Amaltea corrisponderebbe non alla ninfa, ma alla capra. (R. Martin, Mitología griega y romana, Espasa).

 


Firefox 3

Aggiornamento il