RIVISTA DI FILOLOGIA COGNITIVA

 

 

clac 18/ 2004

 

 

 

http://w3.uniroma1.it/cogfil/homepage.html

 

 

 

Rivista di Filologia Cognitiva: an international online journal devoted to cognitive philology

Università degli Studi di Roma «La Sapienza»

edited by: Paolo Canettieri, Anatole Pierre Fuksas

ISSN 1724-5869

 

Numero I, 2003

 

“La Rivista di Filologia Cognitiva è un periodico internazionale in linea dedicato alla filologia e alla linguistica cognitiva. Si articola in 6 diverse sezioni:

1) Interventi, dove si accolgono articoli scientifici di carattere teoretico su argomenti generali come la tradizione del testo e la sua elaborazione cognitiva, la percezione, la rappresentazione, i margini e i limiti del testo, tanto nella sua configurazione acustica che in quella visiva, che in quella mentale implicata da entrambe;

2) Applicazioni, riservata a particolari applicazioni degli approcci cognitivi a singoli testi specifici.

3) Punti di vista, dove si ospitano rapidi spunti di riflessione, idee, notizie e argomenti circa la convergenza tra scienze testuali, cognitive e naturali.

4) Letture, dedicata alle traduzioni o alle ristampe digitali di interventi celebri di interesse fondativo per gli approcci cognitivi ed ecologici alla tradizione testuale e alla letteratura in genere.

5) Recensioni, che raccoglie brevi note di lettura di libri, di loro parti, articoli significativi, o semplicemente notizie che possano fornire indizi di nuovi percorsi di ricerca nel campo dell'integrazione tra scienze testuali, cognitive e naturali.

6) Laboratorio, dove si raccolgono descrizioni dei progetti di ricerca in corso, si trasmettono informazioni circa seminari, incontri, conferenze e si rimanda ad altri siti d'interesse reperibili sul word wide web.”

 

“I più recenti e innovativi sviluppi nel campo degli studi testuali, linguistici e filologici mostrano vari ed evidenti aspetti di intersezione e sovrapposizione con le scienze della comunicazione e le scienze cognitive. La configurazione linguistica del discorso comporta dinamiche di elaborazione e rielaborazione testuale che delineano percorsi e sistemi di trasmissione del senso, ma denotano anche significative evidenze rispetto ai modelli di organizzazione dei processi cognitivi. In particolare, si direbbe che le scienze del testo consentano di formulare ipotesi piuttosto originali circa la funzione evolutiva del ritmo e del metro, i sistemi di acquisizione e rievocazione dei contenuti memoriali, le modalità di trasmissione dei testi scritti e orali, i processi di classificazione delle conoscenze, la natura selettiva del discorso narrativo, la pertinenza delle associazioni semantiche nell’elaborazione delle mappe cognitive. E non solo. Siamo convinti che un confronto aperto tra gli indirizzi delle ricerche linguistiche e filologiche di carattere testuale, quelli della ricerca sperimentale in campo psicologico, nonché quelli della produzione di sistemi d’intelligenza artificiale possa dar luogo a convergenze di metodo e di merito certamente proficue e probabilmente innovative per tutti i campi contemplati.”

 

Direzione: Paolo Canettieri, Anatole Pierre Fuksas

Comitato editoriale: Fabrizia Giuliani, Julián Santano Moreno

Redazione: Ilaria Falcetta, Alessandro Lanni, Luca Nobile, Marta Rovetta, Giovanna Santini, Flavio Sorrentino

Comitato scientifico: Roberto Antonelli, Corrado Bologna, Benoît de Cornulier, David Herman, Manfred Jahn, Roberto Mercuri, François Recanati, Alan Richardson, Emma Scoles, Mark Turner

 

 

Numero I, 2003

 

 

interventi

 

METRICA E MEMORIA

La funzione evolutiva della metrica intesa come supporto memoriale

di Paolo Canettieri

 

LA SCIENZA ORALE ARABA

Meccanismi di produzione e conservazione orale della cultura nella civiltá araba

di Lorenzo Declich e Daniele Mascitelli

 

SELEZIONISMO E CONJOINTURE

Darwinismo neurale e «darwinismo testuale»: il polimorfismo del romanzo medievale spiegato in ottica selezionistica

di Anatole Pierre Fuksas

 

SCRITTURA, FILOLOGIA, VARIANTI DIGITALI

Le implicazioni cognitive della rappresentazione digitale delle varianti testuali.

di Domenico Fiormonte

 

IL SOLCO E IL VERSO. IL LUOGO DELLA METAFORA

La metafora come procedimento cognitivo che determina la mobilità semantica del lessico in ordine a processi di associazione imperniati sulla categorizzazione percettiva

di Julián Santano Moreno

 

L'ORIGINE FONOSIMBOLICA DEL VALORE LINGUISTICO

L'organizzazione linguistica dei sistemi categoriali primari scaturisce da una diretta corrispondenza tra le geometrie articolatorie del sistema vocalico e la semantica dei morfemi monosillabici.

di Luca Nobile

 

punti di vista

 

L’EDIZIONE CRITICA DEL CAMMELLO

Il sogno di ricostruire in laboratorio il progenitore del cammello si scontra con il problema filosofico dell'origine

di Anatole Pierre Fuksas

 

letture

 

DARWINISMO E LETTERATURA

Le due lezioni pubblicate nel 1882, riproposte in versione digitale

di Ugo Angelo Canello

 

IL CERVELLO È UN COMPUTER DIGITALE?

La traduzione italiana del celebre articolo del 1990

di John R. Searle

 

recensioni

 

NELLA TIPOGRAFIA DEL SAPERE

Riflessioni su La Storia sociale della conoscenza di Peter Bourke

di Anatole Pierre Fuksas

 

IL REALISMO ECLETTICO DI HILARY PUTNAM

Osservazioni sulla nuova opera del filosofo americano recentemente tradotta in italiano

di Alessandro Lanni

 

laboratorio

 

MAPPE TESTUALI E MAPPE COGNITIVE

La semantica dei toponimi contribuisce a determinare l’assetto connettivo dell’elaborazione mentale dello spazio. Un progetto di ricerca sull’argomento

di Anatole Pierre Fuksas

 

LINGUISTICA, FILOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE

Una serie di incontri e seminari per promuovere nuovi spazi di convergenza tra scienze del testo, scienze della comunicazione, scienze sociali, umane, naturali, cognitive

a cura del LFC

 

 

 © Circolo di Linguistica Applicata alla Comunicazione. Círculo de Lingüística Aplicada a la Comunicación 18, maggio 2004. ISSN 1576-4737.

http://www.ucm.es/info/circulo/no18/cognitiva.htm

 

clac 18/ 2004

 

portada